Comunicato in Solidarietà a Progetto Palestina

Solidarietà ai compagni e alle compagne di Progetto Palestina, collettivo universitario torinese che milita in sostegno e solidarietà alla causa Palestinese.

Recentemente, l’“Osservatorio Solomon sulle Discriminazioni” ha richiesto lo storico del collettivo all’università di Torino, con chiaro intento intimidatorio. È infatti noto come le realtà filoisraeliane cerchino, specialmente nell’ultimo periodo, di sfruttare la vuota e sviante retorica che associa antisionismo e antisemitismo per infangare il lavoro svolto dalle realtà solidali con la Palestina. Lavoro che è il quotidiano opporsi alla situazione di apartheid, violazione dei diritti e soprusi che il popolo Palestinese subisce da ormai cent’anni.

Il suddetto osservatorio eccelle in questa pratica fuorviante, come sanno bene i compagni e le  compagne antifascisti/e di Milano che si sono visti/e accusare di discriminazione razziale per aver manifestato il loro dissenso contro la presenza delle bandiere israeliane il 25 aprile 2018. Una critica molto lineare, che si chiedeva come si possa associare all’antifascismo la bandiera di uno stato nazione basato sulla supremazia etnica e razziale di un popolo su un altro, che si declina quotidianamente tramite pratiche di apartheid, discriminazione e neo-colonialismo.

Chi conosce i compagni e le compagne di Torino e Milano, sa quanto l’antirazzismo e l’antifascismo siano nodi centrali della loro attività, cosi’ come il pieno ripudio della segregazione razziale e dei soprusi. Venire dunque intimidati/e o addirittura accusati/e di discriminazione razziale ha dell’assurdo. Le questioni che preoccupano maggiormente sono il potere istituzionale e il peso mediatico che queste strutture filoisraeliane hanno nella società attuale, contrapposto al continuo tentativo di insabbiamento che vivono le realtà autonome e indipendenti, le quali cercano di fare ragionamenti più complessi e critici riguardo la situazione palestinese.

Ora più che mai è cruciale sottolineare che la solidarietà è più forte dei meschini tentativi repressivi e liberticidi israeliani.

Antifascismo è antisionismo.

 

Rete Italiana ISM

This entry was posted in Senza categoria and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *