Le forze di occupazione demoliscono 15 aziende a Hizma

16 gennaio 2023

https://www.middleeastmonitor.com/20230116-israel-army-demolishes-18-palestinian-owned-structures/#

Il suicidio rimane la principale causa di morte nell’esercito israeliano, rivelano i dati

Lunedì i bulldozer dell’occupazione israeliana hanno demolito strutture commerciali e officine, vicino all’ingresso della città di Hizma, a nord-est di Gerusalemme, con il pretesto di non avere un permesso.

Le forze di occupazione hanno chiuso l’ingresso della città, istituito un posto di blocco militare alla rotatoria di Martyr Ariba, circondato esercizi commerciali e impedito ai proprietari e ai residenti di entrare nell’area fino al completamento del processo di demolizione.

Secondo il Wadi Hilweh Information Center, le forze di occupazione hanno demolito un certo numero di negozi e officine di riparazione di veicoli di proprietà di Ouda Jabr Al-Khatib, Muhammad Mustafa Al-Khatib e Mahmoud Jaber Al-Khatib, all’ingresso della città di Hizma vicino al posto di blocco militare.

Il Centro ha dichiarato che l’Occupazione ha lasciato una vasta distruzione nella città, dopo aver demolito circa 15 negozi all’alba.

Vale la pena notare che meno di un anno fa le forze di occupazione hanno demolito strutture adibite ad officine per la riparazione di veicoli, nella stessa zona, con il pretesto di non avere un permesso.

Durante lo scorso anno, le autorità di occupazione hanno demolito circa 950 case e strutture in Cisgiordania ea Gerusalemme, 65 delle quali sono state costrette a demolire le proprie strutture stesse. Ha inoltre emesso ordini di demolizione per altre 2.290 abitazioni e stabilimenti, secondo i dati ufficiali pubblicati dal Land Research Centre.

 

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *