Israele: l’inasprimento delle restrizioni sui palestinesi accenderà l’escalation

9 aprile 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20220409-israel-tightening-restrictions-on-palestinians-will-ignite-escalation/

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha promesso che il suo governo continuerà a costruire insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata – Cartoon [Sabaaneh/Middle East Monitor]

Funzionari israeliani della sicurezza hanno avvertito che la chiusura totale della Cisgiordania e l’annullamento del rilassamento del movimento dei palestinesi durante il mese di Ramadan scatenerebbero un’escalation su larga scala, hanno affermato venerdì i funzionari israeliani.

Durante una riunione di gabinetto tenutasi per valutare la situazione dopo l’uccisione di un palestinese di Jenin per le presunte affermazioni israeliane di aver ucciso tre israeliani a Tel Aviv, alcuni ministri hanno suggerito di mettere la Cisgiordania in un blocco totale.

I ministri hanno anche suggerito di adottare diverse misure per limitare l’accesso dei palestinesi alla moschea di Al-Aqsa nella Città Vecchia di Gerusalemme.

Tuttavia, il Times of Israel ha riferito che i capi delle varie agenzie di sicurezza avrebbero esortato il governo a non invertire i piani per calmare le tensioni intorno al Ramadan.

L’emittente pubblica Kan ha rivelato che la polizia israeliana prevedeva che qualsiasi inversione di rotta sui piani già annunciati avrebbe innescato ulteriori disordini.

Allo stesso tempo, Kan ha rivelato che la polizia israeliana aveva firmato un ordine che vietava ad alcuni membri di Hamas di visitare la Città Vecchia di Gerusalemme durante il mese santo.

Nel frattempo il Times of Israel ha riferito che funzionari israeliani chiedevano all’amministrazione statunitense di fare pressione sull’Autorità Palestinese (AP) per tagliare lo stipendio del padre di Raad Hazem, che Israele aveva ucciso per aver affermato di aver ucciso tre israeliani a Tel Aviv.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *