Come misura punitiva, “Israele” fa saltare in aria la casa di un detenuto palestinese a Jenin

https://qudsnen.co/
Jenin (QNN)- Sabato mattina le forze di occupazione israeliane hanno fatto saltare in aria una casa del detenuto palestinese nella città di Silat al-Harithiya a Jenin, come misura punitiva poiché è accusato di aver condotto un’operazione di sparatoria a dicembre insieme ad altri cinque.

Immagine della casa del detenuto palestinese Omar Jaradat, fatta saltare in aria dalle forze di occupazione israeliane nella città di Silat al-Harithiya a Jenin, come misura punitiva, il 7 maggio 2022.

Fonti locali hanno riferito che le forze di occupazione israeliane, nelle prime ore di questa mattina, hanno fatto irruzione nella città di Silat al-Harithiya e ne hanno circondato gli ingressi.

Le forze hanno poi assalito la casa del detenuto palestinese nelle carceri israeliane, Omar Jaradat, e l’hanno fatta saltare in aria, trasformandola in macerie, dopo aver piazzato ordigni esplosivi nei suoi muri.

A gennaio, le autorità di occupazione hanno informato quattro famiglie palestinesi della loro decisione di demolire le loro case nella città di Silat al-Harithiya, come misura punitiva poiché i loro figli sono accusati di aver compiuto il presunto attentato.

Quella volta le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione nella città di Silat al-Harithiya e hanno preso le misure delle quattro case: casa di Ahmed Muhammad Yassin Jaradat, padre dei fratelli Ghaith e Omar che sono accusati di aver compiuto l’operazione di sparatoria avvenuta il 16 dicembre, vicino all’insediamento illegale di Homesh, a nord di Nablus, lasciando morto un colono israeliano, e le case di Muhammad Youssef Jaradat, Ibrahim Musa Tahaineh, Mahmoud Ghaleb Jaradat e Taher Abu Salah, tutti accusati di aver aiutato i due fratelli .

Le forze di occupazione hanno arrestato i giovani dopo aver fatto irruzione nelle loro case a Jenin e averle messe sottosopra.

Da quel momento, i residenti delle case hanno portato via i mobili; le operazioni di demolizione renderanno senza casa oltre 30 persone.

A febbraio, l’occupazione ha fatto saltare in aria la casa di Mahmoud Ghaleb Jaradat.

Lo stato di occupazione israeliano ha utilizzato la demolizione delle case come misura punitiva collettiva contro le famiglie dei palestinesi, che svolgono operazioni di resistenza.

Centinaia di case sono state demolite nell’ambito di questa politica dal 1967, lasciando migliaia di palestinesi senza casa nonostante non avessero commesso rati e non fossero sospettati di alcun illecito.

Questa politica costituisce una punizione collettiva, che è vietata e viola le disposizioni vincolanti del diritto internazionale: nella Convenzione di Ginevra (“Nessuna persona protetta può essere punita per un reato che non ha commesso personalmente. Sanzioni collettive e parimenti tutte le misure di intimidazione o di il terrorismo è proibito, è vietato il saccheggio, è vietata la rappresaglia contro le persone protette e le loro proprietà”.

This entry was posted in info, prigionieri and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *