Stati Uniti: migliaia di persone festeggiano mentre una città del New Jersey rinomina la strada centrale “Palestine Way”

https://www.middleeasteye.net/

16 maggio 2022         Reem Farhat a Paterson, New Jersey

Più di 5.000 persone, molte delle quali sventolando bandiere palestinesi, partecipano alla cerimonia per rinominare una sezione trafficata di Main Street in onore dei contributi dei palestinesi-americani

Il sindaco della città di Paterson Andre Sayegh, il presidente del consiglio comunale Maritza Davila e il consigliere Alaa Abdelaziz posano accanto al nuovo cartello stradale “Palestine Way” (MEE/Reem Farhat)

Migliaia di persone che sventolavano bandiere palestinesi si sono radunate domenica nella città americana di Paterson per celebrare la ridenominazione di un tratto di una strada trafficata in Palestine Way.

Il consiglio comunale di Paterson ha votato all’unanimità ad aprile per rinominare un’area di cinque isolati di Main Street Palestine Way in onore della grande comunità palestinese della città e dei suoi contributi agli affari e alla vita civile.

Per celebrare l’occasione, domenica si è tenuto un vivace festival di strada, che ha visto esibizioni di dabke, cantanti dal vivo e venditori che vendono i tradizionali thobes palestinesi.

“I palestinesi danno ogni giorno innumerevoli contributi alle nostre comunità negli Stati Uniti d’America”, ha affermato il sindaco della città Andre Sayegh, di origini libanesi e siriane.

“La storia sta accadendo qui, quando finalmente sveliamo non Palestine Street, non Palestine Boulevard, ma Palestine Way, perché i palestinesi trovano sempre una via per andare avanti”.

La folla stimata di 5.000 persone è esplosa in applausi e zaghrouta, un ululato celebrativo prodotto dalle donne, quando Sayegh ha reso pubblico un cartello verde brillante della Palestine Way che conteneva anche una bandiera degli Stati Uniti e della Palestina.

Quando è stato svelato il segno della “Via della Palestina”, molte donne hanno eseguito lo zaghrouta, un ululato distintivo che le donne arabe eseguono ai matrimoni e ad altri eventi speciali (MEE/Reem Farhat)

“Questo ci permette di ricordare sempre le lotte palestinesi all’estero. È una celebrazione, ma mostra anche che i palestinesi sono umani, noi siamo americani e non dimenticheremo mai da dove veniamo”, ha affermato il consigliere Alaa Abdelaziz, il primo palestinese della città -Consigliere americano.

Paterson è la città più grande della contea di Passaic e la terza città più popolosa del New Jersey. Sebbene non vi sia una cifra esatta sul numero di arabi che vivono nell’area, Rania Mustafa, direttrice esecutiva del Palestine American Community Center, stima che potrebbero essercene fino a 20.000, molti dei quali sono di origine palestinese.

Secondo Mustafa, la decisione di rinominare la strada mirava a combattere la cancellazione dell’identità palestinese.

“Lo vediamo come una vittoria simbolica, stiamo facendo in modo che le persone riconoscano che la Palestina esiste, che questi sono i contributi che le comunità palestinesi hanno dato, e lo stiamo riconoscendo in veste ufficiale e permanente”, ha detto.

Una comunità rinvigorita
South Paterson viene spesso chiamato “Little Ramallah” per le sue attività di proprietà palestinese, molte delle quali fanno riferimento a città palestinesi nei loro nomi come Jerusalem Jewelry, Nablus Sweets e Ramallah Travel Agency.

“Le persone viaggiano e guidano per lunghe ore per arrivare a Paterson da lontano per venire a provare la sensazione di essere a casa, mangiare cibo palestinese fresco e fare la spesa”, ha detto Raed Odeh, 50 anni, proprietario del Palestine Hair Salon, un barbiere  con il negozio su Main Street.

Il gruppo Baydar Dabka di ballerini dabka palestinesi americani si esibisce per i partecipanti (MEE/Reem Farhat)

Il leader della comunità Awni Abuhadba, 72 anni, immigrato a South Paterson dalla Palestina occupata nel 1971, ricorda un periodo in cui c’erano solo dozzine di palestinesi che vivevano in città e in cui avevano poca influenza politica.

Ha detto che le cose hanno cominciato a cambiare nel 1984 quando lui e quasi 200 membri della comunità palestinese-americana in costante crescita hanno partecipato a un funerale. I fedeli hanno ricevuto una denuncia da una vicina perché un’auto stava bloccando il suo vialetto e alla fine molte delle loro auto sono state multate per il doppio parcheggio.

Per perorare la loro causa, Abuhadba si è avvicinato all’allora sindaco che ha rimproverato le persone in lutto, spingendolo a lanciare una campagna per convincere i palestinesi-americani a registrarsi per votare.

Sebbene Abuhadba abbia perso le elezioni per il consiglio comunale, la sua decisione di candidarsi ha galvanizzato la comunità.

“Da quel giorno, tutti i politici della zona che vogliono vincere vengono a South Paterson”, ha detto Abuhadba.

Nel 2002, Abuhadba è stato nominato vicesindaco di Paterson, una posizione in gran parte cerimoniale, ed è rimasto in carica per otto anni.

Le donne palestinesi celebrano la decisione di rinominare un’area di cinque isolati di “Main Street” in “Palestine Way” (MEE/Reem Farhat)

Anche l’evento di domenica, che è stato in gran parte celebrativo, si è rivelato un evento cupo, con molti che hanno reso omaggio alla giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, uccisa la scorsa settimana dalle forze israeliane con un colpo alla testa.

“L’uccisione di Shireen Abu Akleh a Jenin questa settimana ha davvero causato molto dolore ai palestinesi che da molto tempo combattono per l’uguaglianza, la pace, la giustizia e il diritto all’autodeterminazione”, ha affermato Tahanie Aboushi, avvocato per i diritti civili e ex candidato procuratore distrettuale di Manhattan che è venuto da New York per assistere all’evento.

“Ed essere qui in un posto dove puoi vedere i nostri contributi, vedere qual è il nostro significato nelle nostre comunità, è una celebrazione tanto necessaria per noi”.

This entry was posted in info. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *