Un colono israeliano investe un bambino palestinese nel villaggio Beita vicino Nablus

https://qudsnen.co/              20 maggio 2022
Nablus (QNN)- Un colono israeliano ha investito un bambino palestinese con il suo veicolo vicino al villaggio di Beita, a sud della città occupata di Nablus, in Cisgiordania, venerdì.

Immagine del bambino palestinese Ameer Khdeir ricoverato in ospedale dopo essere stato investito da un colono israeliano fuori dal villaggio di Beita il 20 maggio 2022.

Fonti locali hanno riferito che Ameer Bashir ha riportato lividi e fratture dopo che un colono israeliano lo ha investito con la sua auto vicino al villaggio di Beita.

Bashir è stato portato d’urgenza in ospedale per ricevere cure mediche e le sue condizioni sono state riportate come stabili.

La Mezzaluna Rossa palestinese ha anche confermato che le forze di occupazione israeliane hanno ferito almeno 65 palestinesi che hanno preso parte alle proteste pacifiche contro l’occupazione israeliana nei villaggi di Beita e Beit Dajan a Nablus, tra cui 13 persone colpite da proiettili di metallo israeliani.

I villaggi di Beit Dajan e Beita sono stati teatro di proteste settimanali contro l’occupazione israeliana e l’espansione degli insediamenti.

Tuttavia, sebbene le proteste siano state pacifiche, le forze israeliane hanno represso, arrestato e aggredito i manifestanti.

Ciò ha provocato il ferimento di centinaia e l’uccisione di altri.

Inoltre, c’è stato un forte aumento della violenza dei coloni contro i palestinesi e le loro proprietà nei territori palestinesi occupati.

Gli atti violenti includono percosse, lancio di pietre, minacce, incendi di campi, distruzione di alberi e raccolti, furto di raccolti, uso di fuoco vivo e danni a case e automobili.

Ci sono quasi 700.000 coloni israeliani che vivono in 256 insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme. Gli insediamenti israeliani sono illegali secondo il diritto internazionale.

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *