Le forze israeliane uccidono un adolescente palestinese durante un raid nel campo profughi di Jenin

https://mondoweiss.net/

3 AGOSTO 2022              YUMNA PATEL

Secondo Defense for Children International – Palestina, un cecchino israeliano schierato in cima a un edificio residenziale nel campo profughi ha sparato a Dirar al-Kafrayni alla schiena da una distanza di circa 295 piedi. È il 18° minore palestinese ucciso dall’inizio del 2022.

Dirar al-Kafrayni, 17 anni, è stato ucciso dalle forze israeliane il 1° agosto 2022 durante un raid nel campo profughi di Jenin nella Cisgiordania occupata (Foto: social media)

Lunedì notte le forze israeliane hanno sparato e ucciso un ragazzo palestinese di 17 anni durante un raid nel campo profughi di Jenin, portando a 18 il bilancio delle vittime del fuoco israeliano dall’inizio dell’anno.

Dirar al-Kafrayni, 17 anni, è stato colpito e ucciso alla schiena da un cecchino israeliano intorno alle 22:35 di lunedì 1 agosto, secondo Defense for Children International – Palestina (DCIP). Il Ministero della Salute palestinese ha riferito che al-Kafrayni aveva 17 anni, mentre il DCIP ha riferito che ne aveva 16.

Secondo DCIP, un cecchino israeliano schierato in cima a un edificio residenziale nel campo profughi ha sparato ad al-Kafrayni da una distanza di circa 295 piedi. Il proiettile è entrato attraverso la sua spalla posteriore destra e si è espanso nel suo corpo, causando “gravi emorragie interne”, ha detto DCIP.

È stato dichiarato morto poco prima delle 23:00. Il ministero della Salute ha riferito che un secondo palestinese è stato ferito con proiettili veri ed era in condizioni moderatamente gravi.

Al-Kafrayni è stato colpito a colpi di arma da fuoco durante un raid militare israeliano su larga scala nel campo profughi di Jenin, durante il quale le forze israeliane hanno arrestato Bassam al-Saadi, un membro di spicco del gruppo della Jihad islamica palestinese. Anche il genero di Al-Saadi, Ashraf al-Jada, è stato arrestato durante l’operazione.

I media palestinesi hanno riferito che le forze israeliane hanno arrestato violentemente al-Saadi dopo aver circondato la sua casa nel campo profughi. Secondo quanto riferito, la moglie di Al-Saadi, Nawal, è stata ferita durante l’arresto ed è stata portata in ospedale per essere curata. Video e foto dopo il raid hanno mostrato pozze di sangue sul pavimento della casa della famiglia al-Saadi.

Il raid israeliano al campo ha innescato uno scontro a fuoco tra i combattenti della Jihad islamica e l’esercito israeliano. La Jihad islamica ha affermato in una dichiarazione che al-Kafrayni apparteneva al gruppo e che in seguito all’arresto di al-Saadi, i combattenti del gruppo stavano dichiarando lo stato di allerta.

Al-Saadi è un ex prigioniero politico e il membro più anziano del movimento della Jihad islamica nella Cisgiordania occupata. È stato recentemente rilasciato nel 2020 dopo una condanna a due anni di reclusione. Il suo ultimo arresto nel 2018 è avvenuto dopo una ricerca di cinque anni da parte dell’esercito israeliano per localizzarlo, ha riferito Al Jazeera.

Due dei figli di al-Saadi sono stati uccisi dall’esercito israeliano durante la sua invasione su larga scala e mortale del campo durante la Seconda Intifada nel 2002.

Il campo profughi di Jenin è stato bersaglio di decine di incursioni su larga scala da parte dell’esercito israeliano dall’inizio dell’anno, nel tentativo di reprimere il crescente movimento di resistenza armata nel campo, di cui le ali militari della Jihad islamica e i movimenti di Fatah sono i più attivi.

L’11 maggio, le forze israeliane hanno sparato e ucciso la giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh, una giornalista veterana di Al Jazeera, mentre stava seguendo un’incursione nel campo.

Secondo la documentazione di Mondoweiss, dall’inizio dell’anno, 80 palestinesi sono stati uccisi o sono morti a causa della violenza dei militari e dei coloni israeliani. La stragrande maggioranza delle persone uccise è stata colpita da colpi di arma da fuoco durante i raid notturni, come quello nel campo profughi di Jenin lunedì.

Dei palestinesi uccisi nel 2022, almeno sette sono stati uccisi durante i raid nel campo profughi di Jenin.

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *